I Volti

  • di

Il passare del tempo cancella i ricordi e anche i volti scompaiono. Nella storia dell’umanità si è sempre cercato di riprodurre personaggi noti o famosi, scultura e pittura si sono dedicati a questo per millenni. Il prodigio della fotografia ha iniziato a rappresentare anche persone normali, fermandole in un momento della loro vita e della loro età, spesso in maniera inconsapevole, altre volte su loro richiesta.

Nella mia carriera di fotografo mi sono trovato più volte a riprendere persone, qualche amico, ma soprattutto tante persone di cui non si sa più nulla. Che vivono nei racconti dei discendenti, se fortunati, o in foto occasionali prese da quelli che ai giorni vostri chiamereste “fotografi di strada”.

Chissà che vita ha avuto l’anziana signora seduta sul battello sul Lago Maggiore, che pensieri aveva quel momento, o la ragazza che sbircia sorridente dietro di essa? O la bella ragazza che mi ha regalato un fugace sguardo perplesso su una via cittadina di Velletri?

Il sapere di avergli restituito un momento di testimonianza della loro presenza nella storia del nostro paese, mi riempie di gioia e orgoglio per il lavoro da me fatto in anni di passione fotografica. Ma del resto, anche io ho subito la stessa sorte. Chi si ricorda ancora del mio volto e delle cose che ho fatto in vita?

Cufter

Una anziana signora sul Lago Maggiore
La ragazza di Velletri